Tiba community e la 
potenza del digitale nell’arte

Tiba community è un progetto nato dai giovani per i giovani che si inserisce all’interno del contesto artistico contemporaneo.
Il collettivo creativo TIBA nasce per sostenere, promuovere e organizzare eventi a favore dei nuovi talenti degli artisti emergenti. In un ambiente come quello italiano, dove il tessuto del settore artistico è sempre più intricato e inaccessibile, TIBA offre la soluzione per orientarsi efficacemente. La community estremamente giovane e dinamica, infatti, è un punto di riferimento per tutti gli art-enthusiast, gli appassionati e i curiosi, nessuno escluso. Ma come ci si può approcciare al meglio a questa realtà? Semplice! Lasciandosi coinvolgere dal ricchissimo palinsesto di programmi e iniziative introdotte da TIBA, essendo curiosi ed andando a indagare quelle che sono le pratiche artistiche dell’ampia scuderia rappresentata. I giovani talenti emergenti sono il centro attorno al quale si sviluppa questo progetto energico ed operoso che prevede, infatti, il coinvolgimento dei fruitori attraverso masterclass, serate, incontri, festival e mostre.
E anche quando la partecipazione fisica non è più possibile a causa della pandemia globale, TIBA offre numerosi spunti di sensibilizzazione attraverso il proprio canale social: il profilo instagram @tiba_community.
È, in realtà, da molto prima che il Covid-19 si insinuasse nella nostra quotidianità che questo progetto sfrutta la realtà digitale come territorio fertile sul quale operare, per esempio attraverso brevi pillole, curiosità, giochi, quiz e rubriche di consigli sulle mostre del territorio italiano. La piattaforma digitale è stata creata per garantire accessibilità, divertimento e incontro con e, soprattutto, per i nuovi talenti che riescono così ad approcciarsi abilmente fra galleristi, fruitori, estimatori e futuri collezionisti. In un periodo storico in cui il mercato dell’arte non gode di interconnessione fra i vari operatori del settore, il progetto romano attua la propria potenza nella digitalizzazione dei servizi. I supporti mediatici hanno visto una crescita esponenziale nella corsa ai ripari attuata da quasi tutti gli operatori dell’arte per rimediare, o arginare, quelli che sono i danni viscerali provocati dal Covid-19. Quello che il virus ha fatto, in realtà, è stato acutizzare i sintomi e accelerare la necessità dei supporti digitali. Già da prima della pandemia TIBA si è posta come obiettivo quello di superare i limiti delle modalità convenzionali e tradizionali sfruttando in larga scala campagne di social marketing, attività interattive e iniziative non più solo “convenienti” ma proprio essenziali. La digitalizzazione dei servizi, dei supporti di vendita ma, prima ancora, dei contenuti consente quella che è un’internalizzazione del pubblico e dei fruitori.
Al giorno d’oggi sono sempre più numerose, seppur non ancora lontanamente sufficienti, le realtà che avvicinano sempre più l’arte al mondo digitale come ad esempio Artsy.net, Artforum, Kooness e molti altri. Quello a cui stiamo assistendo è un approccio, anche se in molti casi ancora timido e titubante, sulle piattaforme dei social e sui siti internet di diverse entità del settore come ad esempio gallerie, musei, fondazioni, case d’asta e artisti stessi. è sempre più frequente, infatti, imbattersi in profili Instagram di giovani artisti già affermati o meno che sfruttano i propri profili social, soprattutto Instagram, per condividere le proprie pratiche artistiche con appassionati, curiosi e perché no, magari anche collezionisti. Quello che in larga scala ci si augura è che questo frettoloso uso dei social media e del digitale dettato dalla pandemia lanci un segnale d’allarme e consenta l’aggiornamento del settore artistico, facendo in modo che esso dialoghi efficacemente con i mondi della comunicazione e del digital marketing.
Mentre assistiamo a questo tentativo di collaborazione fra questi ambiti differenti quello che possiamo fare è continuare a supportare le realtà giovani, dinamiche ed energiche che contribuiscono allo svecchiamento del settore artistico contemporaneo nazionale, proprio come TIBA Community!

Articolo di Veronica Tremolada.

articoli-tiba-nel-digitale